Best Practice di Portfolio, Programme, Project Management e integrazione in contesti Agile @CHRISTIAN CANTÙ

TALK – 35min

L’intervento si pone l’obiettivo di illustrare le best practice disponibili e più riconosciute nell’ambito del governo delle iniziative strategiche di un’organizzazione (Portfolio Management) e di Programmi e Progetti complessi (Programme e Project Management) e di come queste possano essere integrate con tecniche e best practice in ambito agile (es. SCRUM, AgilePM, PRINCE2 Agile).

Agile Program in a large Finteq @FABIO ARMANI

TALK – 35min

In questo talk vorrei descrivere un’importante e recente esperienza di lancio di un grande program che sta avendo effetti su tutta l’organizzazione e che coinvolge pesantemente una larga parte del Business. In pratica si tratta di un’esperienza di BUSINESS AGILITY sul campo. L’Agile program utilizza un insieme di metodologie e di approcci (come Agile Leadership, Nexus, Adaptive organization, … ) che possono essere tutti ricondotti alla Business Agility.

Agile & Scrum in a Matrix Organization @ANDREA REGOLI

TALK – 35min

Avere un’azienda Agile è il miglior modo per applicare Scrum ma se invece lavorassimo in una matrix organization e non si potesse intervenire sulla struttura aziendale?
Proprio partendo da questo vincolo andremo a vedere come con qualche accorgimento sia possibile introdurre Agile e Scrum nella gestione di alcuni progetti.

La storia di un Cambiamento Agile @DONATELLA ISAIA

TALK – 35min

Vodafone Italia ha avviato un programma di trasformazione digitale volto a rafforzare la centralità del cliente nella propria proposizione di valore, e quindi a massimizzare le opportunità che derivano dall’ecosistema digitale per offrire prodotti e servizi migliori, sempre più velocemente.

Transformation by Design @MIRCO PASQUALINI

TALK – 35min

Più di settant’anni dopo la sua fondazione, Ogilvy con più di 16,000 dipendenti al mondo, cambia e si ri-organizza, definendo un nuovo spazio e ruolo per il Design nel proprio business e quello dei sui clienti.
Temi: Management, Business mode, designOps, Agility

Agile customer experience management @LUCA MASCARO

TALK – 35min

Oggi una delle sfide più grandi per le aziende è costruire in continuità valore consistente per le persone, partendo dallo studio dell’esperienza che queste vivono sugli attuali prodotti e servizi.
Questa attività continuativa di customer experience management è una forte guida e fonte di ispirazione per i product owner e i team che seguono la delivery, e richiede una collaborazione radicale nell’analisi e nella co-progettazione di soluzioni.

Chi Agile Mangia le Mele @ALESSIA MUSI

TALK – 35min

Un viaggio in ciclomotore all’interno del nostro cervello.
Un’avventura a due tempi alla scoperta di 5 terribili mostri da sconfiggere.
Riusciranno i nostri eroi a sgominare i cattivi e giungere trionfanti ed agili al giardino delle delizie?

Six Questions to Change Your Life @PETER STEVENS

TALK – 35min

What really matters? How can you lead your life according to what really matters? How can you get your stakeholders at work to agree on what to do and why?

Agile goes to Hollywood @PINO DECANDIA

TALK – 35min

Il talk prende spunto dalle necessità che riscontriamo presso i nostri clienti di misurare il “”grado di agilità””. In particolare presenterò un case study su Vodafone.
Normalmente l’approccio seguito è quello di proporre, e di compilare, un assessment, un maturity model. Ce ne sono diversi a disposizione.
Il punto di vista che vorrei presentare è quello di un approccio basato sui team e alla possibilità per loro di elaborare in maniera autonoma un proprio modello di valutazione. Tale modello non serve ovviamente per rispondere alla domanda “”quanto siamo agili”” che ritengo poco interessante come domanda.

Modellare i Ruoli. Modellare la Cultura @ILARIA MAURIC @NICOLÒ VOLPATO

TALK – 35min

Tra il 2013 e il 2018 siamo passati da 5 a 18 persone nel team.
Questa crescita ha comportato necessariamente numerosi cambiamenti ed adattamenti all’interno della nostra azienda, che abbiamo gestito per iterazioni successive, facendo esperimenti, misurandoli e continuando a migliorarci.
Il tema della cultura di team e dell’allineamento dei valori e delle intenzioni individuali con la vision aziendale era un tema chiaro fin dall’inizio e su cui abbiamo lavorato tanto, con formazione, attività e workshop interni, coaching, ecc. fino a culminare in un rebrand, volto anche a consolidare un’identità collettiva forte e condivisa. Dopodiché abbiamo lavorato per strutturare e rendere efficace il nostro processo di recruiting e onboarding, per facilitare la selezione e l’ingresso di nuove persone nel team, proprio per abilitare un certo tipo di crescita.
Quello su cui invece ci siamo ritrovati più impreparati e che abbiamo dovuto costruire nell’ultimo anno e mezzo è il lavoro sulle persone, in termini di competenze e percorsi di carriera, che ha iniziato a manifestarsi oltre un certo numero di persone e soprattutto oltre un certo tempo di permanenza delle persone in Tangible.